HOME | CHI SIAMO | I TERRITORI | LEADER | CONTATTI | TAVOLIEREDELLEPUGLIE.IT
Versione Italiana English Version

20/06/2016
Verbale Assemblea dei Soci del 20/06/2016
29/04/2016
Segnalazione Premio Nazionale Monna Oliva 2016
14/04/2016
Incontro informativo PSR Puglia 2014-2020 - CARAPELLE
10/03/2016
SPOSTAMENTO SEDE SEMINARIO ETICHETTATURA ALIMENTI - 11 MARZO 2016

23/05/2016
Determina ADG PSR 2007/2013 n. 110 del 23.05.2016
23/05/2016
Determina ADG PSR 2007/2013 n. 111 del 23.05.2016
09/04/2016
ISMEA - AGEVOLAZIONI PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA
30/03/2016
BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA' OSPITALITA' ...

18/03/2016
Materiale studio seminario etichettatura alimenti - 11 marzo 2016
29/02/2016
SINTESI PIANO DI SVILUPPO RURALE PUGLIA 2014 - 2020
13/11/2015
in allegato det. 416 Regione Puglia
22/10/2015
in allegato dag 323 del 05/10/2015
Orta Nova
Dista dal Foggia: Km. 22
Abitanti: 17422
Cap: 71045
Supeficie: Kmq 121
Altitudine: 69 m.s.l.m.
Approfondimenti su TavolieredellePuglie.it
 

Orta NovaLa storia
L’esistenza del sito di “Orta” sembra ascrivibile al XII secolo: tale toponimo viene infatti citato per la prima volta in un documento del 1101 e poi in un contratto del 1157. Ma è in epoca sveva che l’insediamento visse il suo momento di maggior gloria. L’imperatore Federico II, il puer Apuliae notoriamente innamorato della Puglia e della Capitanata in particolare, scelse infatti questo luogo per fini residenziali e produttivi: edificandovi il suo palacium, individuando una defensa (la zona boschiva dove solo lui poteva cacciare), creando una masseria e una marescallia (allevamento di cavalli) per l’utilizzo agricolo del territorio. E sempre ad Orta Manfredi, nel 1263, emanava il Datum Orte con il quale fondava la città di Manfredonia.

Orta NovaNel 1611 i Gesuiti del Collegio Romano acquistavano per 57.000 ducati il feudo d’Orta – che comprendeva anche quelli di Stornara e Ordona – dando vita alla “Casa d’Orta”: detta anche Residentia Asturnariensis dal nome di Stornara, che fu il primo possedimento acquistato. Dopo 150 anni, nel 1767, i Gesuiti furono espulsi dal Regno di Napoli; e nel 1774 fu attuata la “censuazione del Tavoliere”, cioè l’assegnazione di lotti di terreno ad agricoltori nullatenenti. Nacquero così cinque colonie, che l’anno successivo furono denominate cinque Reali Siti: e Orta, con 105 famiglie di coloni destinatarie di 10 versure di terra, fu uno di quelli. I censuari tennero però per poco tempo queste terre, che tornarono al Regio Fisco per poi essere vendute a nobili come Matteo Scherini e il duca Nicola di Sangro. Nel 1806 Orta divenne comune autonomo, cambiando nel 1862 la denominazione in quella attuale di Orta Nova.

I monumenti
Scomparsa, purtroppo, l’antica chiesa di Santa Maria delle Grazie, eretta dai Gesuiti nel 1620, come pure il Palazzo Arcieri, che cingeva l’antica masseria gesuitica ed esibiva una iscrizione lapidea relativa alla edificazione del palacium di Federico II, Orta Nova conserva invece il palazzo ex gesuitico, con la sua piccola cella campanaria e il campanile a vela: un edificio innalzato sulle rovine della residenza imperiale, poi divenuto sede del prosegretario della Regia Dogana delle Pecore, sede dell’Amministrazione Comunale, caserma dei Carabinieri, scuola e Pretura, e oggi sede della biblioteca comunale e di associazioni culturali. Interessanti palazzi privati ottocenteschi, come Palazzo Campese, Mascitelli e Traisci.

Feste tradizionali
Festa patronale, il 13 giugno, in onore di sant’Antonio da Padova. Ogni anno poi, il 15 agosto, una “compagnia” di fedeli si reca in pellegrinaggio a piedi a Stornara, nel cuore della notte, per la festa di san Rocco.

I prodotti tipici

ORECCHIETTE CON CIME DI RAPA
Ingredienti per 4 persone
400 g di orecchiette, 1 kg di cime di rapa, olio, sale.
Preparazione
Mettere a cuocere in abbondante acqua salata le orecchiette, e dopo qualche minuto anche le cime di rapa. Scolare il tutto e condire con olio crudo.


SCALDATELLI
Ingredienti per 4 persone
1 kg di farina, un lievito di birra, 15 cl d’olio, 10 cl di vino bianco, 20 g di sale fino, 100 g di semi di finocchio.
Preparazione
Impastare tutti gli ingredienti e formare una palla consistente; lasciare riposare per mezz’ora, poi realizzare i taralli e farli lievitare per 20 minuti. Immergerli in acqua bollente finché non vengono a galla, scolarli e infornarli a 180° per circa 25 minuti.
 

Orta NovaI 10.000 ettari del territorio sono destinati anzitutto a vigneto, poi ortaggi (carciofi, pomodori, broccoletti), cereali e infine olivo. Orta Nova vanta fin dal 1984 il marchio DOC per il suo vino rosso e rosato (da Sangiovese e Uva di Troia). Piatti tipici sono i cingoli di granarso (i cicatelli di granarso di Cerignola), i talli (gambi, foglie e piccoli frutti di zucchina, lessati, uniti a pasta e conditi con salsa e ricotta dura), le orecchiette e cime di rapa, i troccoli (pasta di casa realizzata con un mattarello rigato), i turcenille (involtini di budella d’agnello arrostiti alla brace). Dolce pasquale è la squarcella (fatto con farina, uova e zucchero, coperto di glassa e confettini colorati); dolce natalizio le cartellate (sfoglie di pasta arrotolate a chiocciola, fritte e condite con vincotto).

Dove mangiare - Approfondimenti su TavolieredellePuglie.it
Al Boccon Divino, Corso Aldo Moro, 115 - Tel. 0885.781475
Il Triangolo,  S.P. 81, km 1.235 - Tel. 0885.784165
Locanda delle Vigne, Via Cialdini - Tel. 338.6879929 

Dove Dormire - Approfondimenti su TavolieredellePuglie.it
Herdonia Hotel, S.S. 16 – Tel. 0885.792956

 

1998-2017 © Piana del Tavoliere
P.IVA 02354840718
Politica della Privacy | Crediti
HOME | CHI SIAMO | I TERRITORI | LEADER | CONTATTI | TAVOLIEREDELLEPUGLIE.IT

CSS Valido! Validated by HTML Validator (based on Tidy)