HOME | CHI SIAMO | I TERRITORI | LEADER | CONTATTI | TAVOLIEREDELLEPUGLIE.IT
Versione Italiana English Version

20/06/2016
Verbale Assemblea dei Soci del 20/06/2016
29/04/2016
Segnalazione Premio Nazionale Monna Oliva 2016
14/04/2016
Incontro informativo PSR Puglia 2014-2020 - CARAPELLE
10/03/2016
SPOSTAMENTO SEDE SEMINARIO ETICHETTATURA ALIMENTI - 11 MARZO 2016

23/05/2016
Determina ADG PSR 2007/2013 n. 110 del 23.05.2016
23/05/2016
Determina ADG PSR 2007/2013 n. 111 del 23.05.2016
09/04/2016
ISMEA - AGEVOLAZIONI PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA
30/03/2016
BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA' OSPITALITA' ...

18/03/2016
Materiale studio seminario etichettatura alimenti - 11 marzo 2016
29/02/2016
SINTESI PIANO DI SVILUPPO RURALE PUGLIA 2014 - 2020
13/11/2015
in allegato det. 416 Regione Puglia
22/10/2015
in allegato dag 323 del 05/10/2015
Stornara
Dista da Foggia: Km. 29
Abitanti: 4739
Cap: 71047
Supeficie: Kmq 34
Altitudine: 107 m.s.l.m.
Approfondimenti su TavolieredellePuglie.it
 

La storia
In età federiciana Stornara era uno dei tanti insediamenti che punteggiavano la via Traiana. Nel 1223 fu popolata da un gruppo di Saraceni, poi divenne feudo di Goffredo di Beaumont. Nell’epoca della transumanza, regolamentata dalla Dogana della Mena delle Pecore in Puglia, Stornara risulta parte della Locatione d’Ordona con le sue 5770 versure di terra destinata al pascolo oltre che all’agricoltura. Nel 1600 il feudo fu acquistato per 42.512 ducati dai Gesuiti, che vi stabilirono la loro Residentia Asturnariensis. Cacciati i religiosi dal Regno di Napoli, divenne uno dei cinque Reali Siti, e in essa si insediarono 83 famiglie di coloni che ricevettero per 29 anni 12 versure di terra. Nel 1806 fu aggregata al comune di Stornarella; ma nel 1905 – a seguito di una proposta di legge avanzata dall’onorevole cerignolano Giuseppe Pavoncelli – divenne comune autonomo.

I monumenti
StornaraRetaggio del XVIII secolo, la vecchia torre – detta anche “Casa della torre” o “Torre arcipretale” – era parte integrante di quel sistema di controllo che i Borboni posero in essere per il controllo fiscale della transumanza. È una struttura a due piani provvista di scala d’accesso esterna, con muratura fatta di grossi ciottoli di fiume e liste di laterizi, e copertura in pietra crosta sormontata da coppi pugliesi. La chiesa di San Rocco, costruita nel 1856 sulle rovine di altra chiesa edificata nel 1840 e crollata in corso d’opera, ospita la statua del santo protettore cittadino, e un quadro sei-settecentesco di scuola napoletana della Madonna
della Stella. La ottocentesca torre dell’orologio ricorda
infine il dono del re Francesco II in risposta alle suppliche
dei “naturali” del luogo.

PETTOLE
Ingredienti per 4 persone
1 kg di farina, un lievito di birra, olio, sale.
Preparazione
In un recipiente mettere farina, lievito di birra sciolto in acqua tiepida, sale e olio, e lavorare fino ad ottenere un impasto morbido. Coprire il recipiente tenendolo in un luogo chiuso, e far lievitare per un paio d’ore. Con un cucchiaio prendere un po’ d’impasto e friggerlo in olio bollente. Scolare le pettole, farle asciugare su carta assorbente e servirle, magari con vincotto.


CARTELLATE
Ingredienti per 4 persone
500 g di farina, 100 g di olio, 10 g di sale, vino bianco, 100 cl di vincotto.
Preparazione
Impastare la farina col vino, il sale e l'olio fino a ottenere una pasta consistente, e far riposare per un'ora. Fare una sfoglia dello spessore di un millimetro e tagliare delle strisce lunghe quindici centimetri e larghe tre; pizzicarle ogni tre-quattro centimetri e arrotolarle su se stesse. Farle asciugare per tutta la notte, poi friggerle in olio d'oliva e sgocciolare su carta paglia. Scaldare il vincotto fino a bollore, e immergervi le cartellate con una schiumarola. Sistemarle nel piatto di portata.
 
feste Tradizionali
Fra i riti della Settimana Santa va segnalato, a mezzanotte del Sabato Santo, quello della “Resurrezione”, con la statua del Cristo benedicente sollevata in aria e sospesa. Poi ancora, il 16 agosto, festa patronale in onore di san Rocco; e alla vigilia dell’Immacolata falò e sagra di “pizze fritte”.

I prodotti tipici
Il territorio di Stornara conta 3364 ettari. La loro prevalente destinazione è a ortaggi (broccoli, carciofi e pomodori) e vigneti, poi cereali, e olivo che alimenta una produzione di olio extravergine DOP. Piatti tipici sono orecchiette e broccoletti, strascinati e cavolfiori (sorta di grosse orecchiette), fave e cicorie (le fave sono a puré), cardone de ciucce e baccalà (cardo santo e baccalà al forno), ciamaruchille (lumachine al sugo di pomodoro o con menta e aglio), le olive sfritte con aglio e sale. Fra i dolci, i fichi secchi ripieni di mandorle tostate, la pizza di ricotta, i calzungille (panzerottini ripieni di mostarda d’uva).

Dove mangiare - Approfondimenti su TavolieredellePuglie.it
I Due Archi, Via Ettore Fieramosca, 5 - Tel. 0885 434141
Curcelli Lorenza, Località Incoronata – Tel. 0881 810065
Del Vecchio Antonio, Località Incoronata – Tel. 0881 810061
1998-2017 © Piana del Tavoliere
P.IVA 02354840718
Politica della Privacy | Crediti
HOME | CHI SIAMO | I TERRITORI | LEADER | CONTATTI | TAVOLIEREDELLEPUGLIE.IT

CSS Valido! Validated by HTML Validator (based on Tidy)